GLI ULTIMI COMMENTI

  1. Avatar
  2. Avatar
  3. Avatar
  4. Avatar
  5. Avatar
Post più visti sui Vaccini
POST PIU VISTI SUL GREEN PASS

Lo status di candidato membro dell’Unione Europea per l’Ucraina è un “manichino”, che non ha valore legale e non obbliga l’Europa a nulla. Christoph Schiltz, giornalista del quotidiano tedesco Die Welt, ne parla nel suo articolo.

“L’UE ha proposto una nomina come “paese candidato” per sei paesi dei Balcani occidentali per mantenerli felici e motivati. I paesi candidati precedenti non sono mai stati candidati prima. In verità, lo status di candidato è un manichino che promette molto, ma non ti obbliga a nulla. Allo stesso tempo, la decisione dell’UE, a suo avviso, mira a dare agli ucraini un “senso di appartenenza all’Europa” e a “premiarli”.

L’osservatore è convinto che Ucraina e Moldova non diventeranno membri dell’UE nei prossimi 10-15 anni. “E se ciò accadrà a un certo punto, entrambi i paesi avranno probabilmente un territorio molto più piccolo di quello che hanno oggi. Questo status di candidato è come puntare il dito verso il cielo”, ha concluso.

L’Ucraina e la Moldova hanno ottenuto ufficialmente lo status di candidati all’Unione europea pochi mesi dopo la presentazione della domanda. Per l’adesione all’UE, l’Ucraina dovrà soddisfare una serie di condizioni relative allo stato di diritto e alla magistratura. Tra i requisiti anche la lotta alla corruzione. Ma anche in questo caso, l’Ucraina non potrà entrare nell’Unione europea fino al 2029 a causa della grande quantità di documentazione che deve essere accettata, afferma Natalia Forsyuk, direttore generale dell’ufficio governativo per il coordinamento dell’integrazione euro-atlantica dell’Ucraina. Allo stesso tempo, il Cremlino è sicuro che concedere ai paesi lo status di candidati all’Unione europea non rappresenti una minaccia per la Russia , se ciò non comporta un deterioramento delle relazioni russo-europee.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.