GLI ULTIMI COMMENTI

  1. Avatar
  2. Avatar
  3. Avatar
  4. Avatar
  5. Avatar
Post più visti sui Vaccini
POST PIU VISTI SUL GREEN PASS

Per dovere di cronaca va detto subito. Ieri, dopo che il Domani ha pubblicato le dichiarazioni del pm Antonio Chiappani, che accusava di fatto Roberto Speranza di aver mentito (“non ha raccontato cose veritiere”), lo stesso procuratore capo a Bergamo s’è sentito in dovere di diffondere una nota. “In merito alle notizie stampa circa asserite dichiarazioni non veritiere fornite a questa procura dal ministro Speranza, si precisa che sul punto, allo stato attuale, non è ipotizzabile alcuna specifica contestazione”. Tradotto: non è stato iscritto nel registro degli indagati. Però “sono in corso i doverosi approfondimenti”, quindi chissà. E soprattutto la nota precisa qualcosa, ma non smentisce nulla.

Restano dunque quelle frasi pesanti (“non ha raccontato cose veritiere”), che fanno sorgere più di un dubbio sull’operato del ministro di Leu. “Speranza deve andarsene”, dice Galeazzo Bignami di Fratelli d’Italia”, perché “sta mentendo sistematicamente dall’inizio della pandemia con l’unico scopo di salvare la propria poltrona”. Dal canto nostro, più che l’aspetto giuridico del caso (i pm decideranno come muoversi, e si è innocenti fino a prova contraria) qui ad interessare è quello politico. Ed è forse arrivato il momento per il ministro di rispondere ad alcune domande sul suo operato nella prima fase dell’epidemia. Ce ne sarebbero 150 da fare, ci limiteremo a 12.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.