GLI ULTIMI COMMENTI

  1. Avatar
  2. Avatar
  3. Avatar
  4. Avatar
  5. Avatar
Post più visti sui Vaccini
POST PIU VISTI SUL GREEN PASS

I ricercatori dell’Università Ebraica di Gerusalemme in Israele e del Mount Sinai Medical Center di New York ritengono che potrebbero potenzialmente ridurre la gravità del COVID-19 a un comune raffreddore.

Una nuova ricerca del Prof. Ya’acov Nahmias dell’Università Ebraica e del Dr. Benjamin tenOever del Sinai ha rivelato che il farmaco approvato dalla FDA Fenofibrate (Tricor) potrebbe ridurre la capacità del SARS-CoV-2 di riprodursi o addirittura farlo scomparire.

SARS-CoV-2 è il nome scientifico del nuovo coronavirus. “I virus sono parassiti”, ha spiegato Nahmias al Jerusalem Post . “Non possono replicarsi. Non possono creare nuovi virus. Devono entrare in una cellula umana e poi dirottare quella cellula”. Pertanto, Nahmias e tenOever hanno trascorso gli ultimi tre mesi a studiare cosa sta facendo SARS-CoV-2 alle cellule polmonari umane. Quello che hanno scoperto è che il nuovo coronavirus impedisce la combustione di routine dei carboidrati, che si traduce in grandi quantità di grasso che si accumulano all’interno delle cellule polmonari, una condizione che il virus deve riprodurre.

“Capendo come il SARS-CoV-2 controlla il nostro metabolismo, possiamo riprendere il controllo dal virus e privarlo delle stesse risorse di cui ha bisogno per sopravvivere”, ha detto Nahmias, osservando che può anche aiutare a spiegare perché i pazienti con sangue alto i livelli di zucchero e colesterolo sono spesso a rischio particolarmente elevato di sviluppare COVID-19.

Il team ha quindi esaminato un gruppo di otto farmaci già approvati che potrebbero interferire con la capacità di riproduzione del virus. 

Tricor ha fatto sì che le cellule iniziassero a bruciare i grassi, ha detto Nahmias. Il risultato è stato che il virus è quasi completamente scomparso in soli cinque giorni di trattamento.

L’esperimento è stato condotto in studi di laboratorio sia in Israele che a New York ed è stato replicato più volte con diversi campioni di polmone. 

Nahmias ha affermato che c’è una forte indicazione che l’esperimento è altamente ripetibile in altri laboratori. Il team sta avanzando verso gli studi sugli animali a New York e spera di accelerare gli studi clinici sia in Israele che negli Stati Uniti entro le prossime due settimane, dal momento che il farmaco si è già dimostrato sicuro. Lo studio è stato pubblicato su Sneak Peak di Cell Press di questa settimana. Il lavoro è finanziato dal Consiglio europeo della ricerca, dalla Fondazione Nikoh e dalla Fondazione Sam e Rina Frankel.

Commenti