GLI ULTIMI COMMENTI

  1. Avatar
  2. Avatar
  3. Avatar
  4. Avatar
  5. Avatar
Post più visti sui Vaccini
POST PIU VISTI SUL GREEN PASS

Il nostro gruppo ha utilizzato il PLUS Cardiac Test (GD Biosciences, Inc, Irvine, CA) una misurazione clinicamente convalidata di più biomarcatori proteici che genera un punteggio che prevede il rischio a 5 anni (probabilità percentuale) di una nuova sindrome coronarica acuta (SCA).

Il punteggio si basa sui cambiamenti rispetto alla norma di più biomarcatori proteici tra cui IL-16, una citochinaproinfiammatoria, Fas solubile, un induttore di apoptosi e il fattore di crescita degli epatociti (HGF) che funge da marker per la chemiotassi delle cellule T nell’epitelio e tessuto cardiaco, tra gli altri marcatori. L’elevazione al di sopra della norma aumenta il punteggio PULS, mentre una diminuzione al di sotto della norma riduce il punteggio PULS. Il punteggio è stato misurato ogni 3-6 mesi nella nostra popolazione di pazienti per 8 anni.

Recentemente, con l’avvento dei vaccini mRNA COVID 19 (vac) di Moderna e Pfizer, nella maggior parte dei pazienti sono emersi cambiamenti drammatici nel punteggio PULS. Questo rapporto riassume questi risultati.

Un totale di 566 punti, di età compresa tra 28 e 97 anni, rapporto M:F 1:1 osservato in uno studio di cardiologia preventiva, ha ricevuto un nuovo test PULS da 2 a 10 settimane dopo il 2° colpo COVID ed è stato confrontato con il precedente punteggio PULS estratto 3 a 5 mesi prima dello scatto. IL-16 basale è aumentato da 35=/-20 sopra la norma a 82 =/- 75 sopra la norma post-vac; sFas è aumentato da 22+/- 15 sopra la norma a 46=/-24 sopra la norma post-vac; HGF è aumentato da 42+/-12 sopra la norma a 86+/-31 sopra la norma post-vac.

Questi cambiamenti hanno determinato un aumento del punteggio PULS dall’11% del rischio di SCA a 5 anni al 25% del rischio di SCA a 5 anni. Al momento di questo rapporto, questi cambiamenti persistono per almeno 2,5 mesi dopo la seconda dose di vac.

Concludiamo che i vac di mRNA aumentano notevolmente l’infiammazione sull’endotelio e l’infiltrazione di cellule T del muscolo cardiaco e possono spiegare le osservazioni di aumento della trombosi, cardiomiopatia e altri eventi vascolari successivi alla vaccinazione.

https://www.ahajournals.org/doi/abs/10.1161/circ.144.suppl_1.10712

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.