GLI ULTIMI COMMENTI

  1. Avatar
  2. Avatar
  3. Avatar
  4. Avatar
  5. Avatar
Post più visti sui Vaccini
POST PIU VISTI SUL GREEN PASS

John Shelby Spong, il vescovo episcopale che ha spinto i suoi seguaci ad accettare le donne e il clero LGBTQ, e che in seguito li ha invitati a rifiutare idee come la nascita verginale di Gesù e l’esistenza del paradiso e dell’inferno, è morto il 12 settembre a casa sua a Richmond, Virginia. Aveva 90 anni.

La sua morte è stata annunciata dalla diocesi episcopale di Newark, dove era stato vescovo dal 1976 al 2000.

Il vescovo Spong ha combinato la celebrità con instancabili scritti e discorsi, forse più di qualsiasi altro teologo liberale alla fine del XX secolo, per aprire la Chiesa episcopale e la Chiesa anglicana globale di cui fa parte. È stato uno dei primi vescovi americani a ordinare una donna nel clero, nel 1977, e il primo a ordinare un uomo apertamente gay , nel 1989.

Il vescovo Spong è diventato una celebrità nazionale a metà degli anni ’80, quando ha iniziato a chiedere alla chiesa di riconsiderare la sua posizione sui diritti degli omosessuali. Ha esortato i suoi colleghi non solo ad accettare il clero apertamente gay, ma anche ad accogliere apertamente fedeli gay e lesbiche nelle loro congregazioni e a benedire le unioni dello stesso sesso.

Il vescovo John Shelby Spong non credeva nel mito dell’inferno e durante una intervista trasmessa a livello nazionale condivise le sue idee sul perché secondo lui convincere il gregge a credere nel concetto dell’”inferno” fosse assolutamente essenziale per la sopravvivenza della Chiesa.

“Non credo esista l’inferno. Succede che io creda alla vita dopo la morte, ma non credo abbia niente a che fare con ricompensa e punizione. La religione è da sempre nel business del controllo e questo è qualcosa che la gente proprio non capisce. E’ un business di controllo che produce senso di colpa. Se hai il Paradiso dove ricevi ricompensa per la tua bontà e l’Inferno come luogo dove vieni punito per il male che hai fatto, il risultato è che hai controllo della popolazione. Ed è cosi che hanno creato questo luogo di fiamme che ha letteralmente terrorizzato a morte la gente, in tutta la storia del Cristianesimo. E’ parte di una tattica di controllo.”

“La mia sensazione è che se la Chiesa episcopale non può sopportare le sfide all’interno delle sue stesse fila, allora non è una chiesa di cui vorrei essere membro in ogni caso”, ha detto al New York Times nel 1989 .

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.