GLI ULTIMI COMMENTI

  1. Avatar
  2. Avatar
  3. Avatar
  4. Avatar
  5. Avatar
Post più visti sui Vaccini
POST PIU VISTI SUL GREEN PASS

Un nuovo studio suggerisce che la somministrazione della vitamina per via endovenosa può migliorare i livelli di ossigeno nel sangue, ridurre l’infiammazione e ridurre i ricoveri ospedalieri

La vitamina C può aiutare a prevenire il Covid-19 grave e ad accelerare il recupero dall’infezione, suggerisce uno studio, poiché gli scienziati affermano che dovrebbe diventare un trattamento standard negli ospedali.

Una revisione di 12 studi clinici, che dovrebbe essere pubblicata sulla rivista Life questa settimana, ha scoperto che la somministrazione della vitamina per via endovenosa può migliorare il livello di ossigeno nel sangue, ridurre l’infiammazione e ridurre la degenza in ospedale di un paziente.

Uno studio a cui si fa riferimento nella revisione, condotto a Wuhan, in Cina , ha rilevato che la vitamina C ha aumentato il tasso di guarigione dall’infezione sintomatica del 70% rispetto a un placebo.

“Per i pazienti più critici, gli studi che utilizzano dosi di 6-24 g al giorno per via endovenosa hanno mostrato benefici positivi in ​​termini di aumento della sopravvivenza e riduzione della degenza ospedaliera, miglioramento dell’ossigenazione o riduzione dell’infiammazione”, ha affermato la coautrice Anitra Carr, dell’Università di Otago, Nuova Zelanda.

20 arance forniscono un 1 di vitamina C, hanno detto i ricercatori, quindi questi livelli di dosaggio richiedono un’integrazione.

Le concentrazioni plasmatiche di vitamina C erano molto basse tra il 70 e l’80% dei pazienti Covid, secondo la revisione, suggerendo che potrebbero beneficiare di diversi grammi di vitamina per correggere eventuali carenze.

Ma lo studio ha notato che una dose a breve termine tramite flebo potrebbe non essere abbastanza lunga “per fornire un beneficio duraturo poiché il 15-25% dei pazienti può tornare allo stato di ipovitaminosi C [scorbuto] dopo la cessazione dell’intervento”.

La dottoressa Marcela Vizcaychipi, co-autrice della Facoltà di Medicina dell’Imperial College di Londra, ha affermato che dovrebbe essere una pratica standard in ogni ospedale controllare lo stato di vitamina C dei pazienti e che dovrebbe essere somministrato un dosaggio appropriato per ottimizzare il recupero .

“Dobbiamo sempre assicurarci che le basi siano coperte come la sostituzione di elettroliti, oligoelementi e vitamine tra cui vitamina C e D. Questa dovrebbe essere una pratica standard”, ha affermato.

La revisione ha anche suggerito che la vitamina C potrebbe aiutare a prevenire la progressione del Covid-19 in una malattia grave.

Uno studio nella revisione, condotto a Shanghai, in Cina, ha esaminato 110 pazienti con Covid moderato, 55 dei quali hanno ricevuto una dose di vitamina C in base al loro peso, l’altra metà ha ricevuto cure standard.

Lo studio ha suggerito che un terzo in meno di pazienti è progredito verso una malattia grave quando è stata somministrata la dose.

La revisione ha concluso che studi di controllo randomizzati e studi di coorte retrospettivi mostrano che la vitamina C “sembra supportare anche esiti positivi in ​​Covid-19 sia in ambito ospedaliero che ambulatoriale, portando a un effetto benefico nei pazienti con sintomi moderati”.

Il professor Naveed Sattar, professore di medicina metabolica, Università di Glasgow, ha dichiarato: “Gli studi che esaminano l’integrazione di vitamina C come mezzo per ridurre le complicanze da Covid-19 sono di un certo interesse, ma nessuno è definitivo e tutti hanno importanti limitazioni.“ Bisogna quindi essere cauti nell’interpretare le prove attuali.



Ci si può fidare dell’opinione del professor Naveed Sattar o nelle sue parole potrebbe nascondersi un conflitto di interessi ?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.