GLI ULTIMI COMMENTI

  1. Avatar
  2. Avatar
  3. Avatar
  4. Avatar
  5. Avatar
Post più visti sui Vaccini
POST PIU VISTI SUL GREEN PASS

Oggetto: Il 5G, il virus e l’effetto immunorepressivo dell’esposizione a lungo termine alle onde elettromagnetiche a radiofrequenza

La scienza mostra che mentre l’irradiazione a breve termine delle onde a radiofrequenza migliora il sistema immunitario, l’irradiazione a lungo termine lo reprime. Questa non è una contraddizione. Il meccanismo di questo effetto è particolarmente ben compreso ​ed è stato studiato in molti articoli di ricerca (1) (2) (3) (4) : le onde a radiofrequenza aprono i canali del calcio nelle membrane cellulari e aumentano la concentrazione di radicali liberi .

L’apertura di questi canali del calcio crea un ambiente particolarmente favorevole alla replicazione dei virus. In effetti, alcuni virus aprono i canali del calcio per consentirne la replica. Ciò è stato dimostrato anche per il deltacoronavirus suino (PDCoV) (5) .

La diffusione delle infezioni virali è probabilmente accelerata dall’irradiazione delle onde a radiofrequenza. Questo è un co-fattore da considerare quando si analizza l’attuale pandemia, insieme all’inquinamento atmosferico e alle abitudini al fumo.

  1. La Commissione ha preso in considerazione l’effetto immunorepressivo dell’esposizione a lungo termine alle onde elettromagnetiche a radiofrequenza prima di promuovere il 5G e tecniche simili che aumentano considerevolmente il livello di irradiazione?
  2. Ha preso in considerazione la possibile replicazione potenziata dei virus causati dall’esposizione alle onde elettromagnetiche a radiofrequenza?
  3. Quale comitato consultivo fornisce i dati necessari sugli effetti sulla salute delle radiazioni elettromagnetiche
Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.