GLI ULTIMI COMMENTI

  1. Avatar
  2. Avatar
  3. Avatar
  4. Avatar
  5. Avatar
Post più visti sui Vaccini
POST PIU VISTI SUL GREEN PASS

C’è un caso che scuote la città toccando il reparto di Terapia intensiva del Bufalini, una paziente ricoverata perchè attaccata in modo aggressivo dal Covid, e “tirata fuori” da un medico no vax, già sospeso

La vicenda viene raccontata dallo stesso dottore, Fabio Milani, medico di base toscano ma che operava a Corticella, rione di Bologna prima di essere sospeso. Il web è pieno di interviste del medico che ribadisce più volte la sua teoria, quella del “terrorismo psicologico, di Covid non si muore”.

“Siamo riusciti a tirare fuori dalla Rianimazione una paziente, con l’aiuto dell’avvocato Luzi di Cesena”. Spiega il medico no vax: “Volevano intubarla, ma questa cosa non era assolutamente necessaria. Sono stato a visitarla, ha la polmonite ma si rimetterà, nel referto medico hanno scritto che la paziente senza cure ospedaliere non sarebbe sopravvissuta, le è stato fatto del gran terrorismo. Con Luzi siamo riusciti a tirarla fuori, penso che gli abbiamo salvato la vita“.

Il medico ripercorre la vicenda: “Alla paziente era stato messo l’ossigeno, ci ho parlato anche mentre si trovava in Terapia intensiva, dopo la polmonite bilaterale è stata impaurita e trasferita in rianimazione. A quel punto ho parlato con la sorella e ho detto ‘tiratela fuori, vengo a visitarla subito dopo, gli salviamo la vita’. E’ stato necessario che l’avvocato Luzi mandasse diverse diffide all’ospedale, a quel punto i medici hanno fatto un passo indietro e la donna è stata dimessa”. In pratica la paziente è stata solo due giorni nel reparto.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.