GLI ULTIMI COMMENTI

  1. Avatar
  2. Avatar
  3. Avatar
  4. Avatar
  5. Avatar
Post più visti sui Vaccini
POST PIU VISTI SUL GREEN PASS

La decisione di scegliere Israele per testare in massa il suo vaccino contro il coronavirus non si basava su una “connessione emotiva”, ha detto martedì il CEO di Pfizer Albert Bourla.

In un videomessaggio condiviso alla conferenza annuale del Jerusalem Post , ha condiviso che Israele “ha un posto speciale nel mio cuore. Non rappresenta solo la realizzazione di un sogno, ma un porto sicuro che sentiamo possa proteggere noi e i nostri figli da cose accadute in passato”. Bourla è un ebreo di Salonicco, in Grecia, figlio di sopravvissuti all’Olocausto.

Tuttavia, ha sottolineato Bourla, la sua decisione di vendere abbastanza vaccini a Israele per inoculare chiunque abbia accettato di farsi inoculare il vaccino fino a tre dosi è stata “una decisione molto ponderata”. “E visti i risultati”, ha aggiunto, “sono felice di dirlo, molto saggio”.

Bourla ha detto che stava cercando un paese per dimostrare cosa potrebbe fare il vaccino. “In parole povere, Israele aveva tutte le condizioni giuste: il Ministero della Salute israeliano è uno dei migliori al mondo, così come il sistema sanitario israeliano. La piccola popolazione di Israele ha reso lo studio gestibile. Israele ha un alto grado di dati elettronici [e un] sistema di monitoraggio collegato alla stragrande maggioranza della popolazione”, ha affermato. “E infine, e molto importante, nessun paese ha più esperienza nella gestione delle crisi”.

Ha detto che sia Israele che Pfizer erano preparati per la sfida e ha definito i risultati della loro collaborazione “fenomenali”.

Finora, quasi 6,2 milioni di israeliani hanno ricevuto almeno un’iniezione del vaccino Pfizer. In totale, tra la prima, la seconda e la terza dose, nel Paese sono state somministrate quasi 16 milioni di dosi.

“Ma non abbiamo il lusso di riposare sugli allori. Il nostro lavoro è lungi dall’essere finito”, ha sottolineato Bourla. “Pfizer si impegna a rimanere un passo avanti rispetto al virus”.

Ha affermato che Pfizer trascorrerà i prossimi mesi a lavorare per ampliare l’autorizzazione all’uso di emergenza del suo richiamo COVID-19, continuando a presentare dati normativi dalla sua sperimentazione clinica studiando la sicurezza e l’efficacia del suo vaccino nei bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni e sulllo sviluppo di un potenziale trattamento antivirale orale COVID-19.

Bourla ha aggiunto che parte di questo lavoro potrebbe essere svolto con Israele. “Non vediamo l’ora di lavorare con le comunità accademiche e scientifiche israeliane in molte aree”, ha affermato. “Come sempre, seguiremo la scienza”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.